Risparmiare rinunciando all'acqua in bottiglia

Ogni anno le famiglie italiane si bevono, letteralmente, interi patrimoni in acqua in bottiglia. Tantissime famiglie bevono solo acqua comprata al supermercato, e questo perché è concezione diffusa quella che vuole l'acqua in bottiglia di gran lunga migliore di quella del rubinetto, e c'è da dire e ribadire che molte realtà fanno di tutto per rafforzare questa idea.
Si fa tanta fatica nel comprare, trasportare e sistemare l'acqua in casa, si spende tantissimo denaro e poi si deve passare tanto tempo a schiacciare le bottiglie per poi smaltirle.
C'è un metodo però che potrebbe far risparmiare molto denaro, sia che si beva acqua di marca che acqua da discount:
L'acqua del rubinetto in teoria è potabile e controllata. Questo normalmente e in una situazione ideale, ma esistono diverse realtà in cui l'acqua che sgorga dal rubinetto non è esattamente molto pulita e si sospetta che qualcuno abbia cagato nelle nostre condotte (no, non è volgarità gratuita, spesso quando si apre il rubinetto viene fuori acqua marrone).


Ma quanto si risparmia con le caraffe filtranti?
Prendiamo sempre d'esempio la classica famiglia di 4 persone che compra il cartone di acqua di marca che costa 3 euro. Il loro consumo medio sarà di 250 litri di acqua al mese, per cui 28 cartoni di acqua con una spesa di 84 euro. Sono 1000 euro annui... senza contare la fatica, l'ingombro e la perdita di tempo.

Se prendiamo d'esempio i cartoni da discount, che diciamo oscillano più o meno sui 1,5 euro a cartone, la spesa annua sarà di 403 euro. Si risparmia parecchio in confronto a quella di marca, ma in tempi difficili costituisce comunque una bella spesa su cui si può sicuramente risparmiare
Con Filtri e caraffe, che con spese decisamente minori rispetto all'acqua in bottiglia, si eliminano i cattivi sapori, alcune impurità e alcuni metalli pesanti rendendo l'acqua del rubinetto assolutamente perfetta e di gusto gradevole.

ATTENZIONE: se l'acqua che scorre dal rubinetto puzza o risulta non potabile perché contaminata o infetta, non berla. I filtri sono utili ma non fanno miracoli. In caso di acqua inquinata è necessario prendere dei filtri più seri, di dimensioni più generose e con lampada UV che eliminano i batteri e germi, anche se nei casi più seri è sempre consigliabile di evitarne l'uso.
In caso contrario potresti avere seri problemi (a cominciare dalla diarrea). Informati a dovere sulla qualità dell'acqua del tuo comune, se è compromessa da metalli pesanti in modo irrimediabile questa soluzione NON fa per te.

Ma guardiamo quanto denaro si risparmia: spesso un solo filtro basta a soddisfare i bisogni mensili di una famiglia. E i filtri se si sfruttano le giuste offerte si possono trovare a prezzi veramente vantaggiosi: io ho calcolato una spesa annua di 100-150 euro con le caraffe. In confronto agli oltre 400 dell'acqua del discount sono spiccioli, si risparmia oltre la metà della spesa: 250-300 euro l'anno se beviamo acqua del discount e oltre 800 se si beve quella di marche costose in modo assurdo. Non male se si pensa alla fatica, spazio, tempo e fastidio che si sono risparmiati, rotule disossate sulle scale per trasportare i pesanti cartoni e tutto il resto!

Consiglio: Se si è soli non conviene comprare le caraffe e i filtri, in quanto i sistemi di filtraggio vanno sostituiti a periodi regolari e il consumo di un singolo individuo non è sufficente a sfruttarli al massimo, finendo con il pagare di più rispetto alle bottiglie.

Su amazon.it c'è un'offerta molto speciale, in cui i filtri della brita vengono venduti a prezzi stracciati: Brita Maxtra Confezione 12 filtri con cui la famiglia può bere tutto l'anno spendendo si e no 100-150 euro. Niente male no?

La mia prova è stata sia buona che pessima, e per questo motivo ho messo in mezzo all'articolo un bel avviso: dove l'acqua è potabile e relativamente buona il filtro della caraffa fa un lavoro egregio, ripulendo l'acqua dalle impurità e dal cloro, lasciando un sapore decisamente molto gradevole e spesso con una differenza quasi impercettibile con l'acqua in bottiglia.
Al contrario in zone in cui l'acqua è contaminata non c'è nulla da fare: al primo sorso mi si sono gonfiate come zampogne le tonsille, mi ha pizzicato la gola e fatto lacrimare gli occhi e mi ha cuausato un fastidioso mal di pancia. Purtroppo quell'acqua avvelenata ha contaminato il filtro, che ho dovuto buttare via.
Per questo motivo io, ma anche il produttore stesso e il ministero della sanità, consiglio di non usare le caraffe con acqua simile, e se proprio si vuole avere il vantaggio del filtro di guardare a quelli a osmosi inversa con lampada a ultravioletti, altrimenti sono dolori.

In ogni caso al momento c'è questo sistema a osmosi inversa scontato di oltre la metà, ottima occasione insomma.



Post popolari in questo blog

Bricchetti - segatura compressala per stufe e caminetti che fa risparmiare

Come rendere la pizza meno calorica

Come trovare gli spifferi